lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome
lcrHome

lcrHome

Milano

2019

Ph. Barbara Santoro

Si chiama lcrHome e nasce dall’esigenza di creare un manifesto dell’idea progettuale dell’omonimo Studio. 
 
Gli spazi realizzati sono ben definiti, ma in costante dialogo.
Ecco il motivo della predominanza di archi e tende: elementi di separazione e al contempo punti di contatto tra un locale e l’altro. 
Anche il colore svolge la medesima funzione: la parete blu balena della zona soggiorno fa da link al cipria della sala da pranzo, a sua volta enfatizzata da un’elegante volta, cornice dell’apertura sul parco.
 
La casa è distribuita su due livelli: entrambi, pur avendo un proprio carattere, sono perfettamente in armonia tra loro e collegati da una scala in muratura rivestita in ceramica effetto ceppo.
 
Lo spazio è chiaramente un omaggio all’architetto Giò Ponti, il maestro che più ha influenzato il pensiero del progettista